Tel: +39 320 6771278 | info@castellimarco.com

Come riprendersi da un tradimento o una delusione? Con un ritocchino estetico ad hoc

Una separazione improvvisa, una delusione sentimentale, un divorzio dopo tanti anni di matrimonio o un tradimento che arriva come un fulmine a ciel sereno sono tra le principali cause di depressione, che portano le donne ad una profonda insicurezza e perdita di autostima. E se fino a qualche anno la cura era esclusivamente dallo psicologo, per poter affrontare il periodo buio e uscire rigenerati dopo mesi e mesi di terapia, oggi la storia cambia molto: si ricorre al ritocco estetico per avere un nuovo look, apparire più giovani e riacquistare la fiducia persa. E naturalmente anche il sex appeal.

Non a caso, tra gli interventi più richiesti dalle donne che si lasciano alle spalle una relazione finita troviamo il lifting, per dare una nuova luminosità al volto, specie dopo un dimagrimento repentino, la blefaroplastica, per ravvivare la zona occhi e renderla più giovane, l’immancabile intervento di mastopessi, che serve a rinvigorire il seno modificandone la forma, e la mastoplastica additiva, che mira ad ingrandire il volume generale del decolté.

“In moltissimi casi le donne fanno ricorso alla chirurgia estetica per iniziare una nuova fase della vita e dare un taglio netto con il passato. – fa sapere il dottor Marco Castelli, uno dei chirurghi plastici più noti in Italia, che opera sia nel nostro Paese che in Svizzera – Per questo le donne che si separano o hanno subito una delusione sentimentale si rivolgono al chirurgo plastico per migliorare fisicamente il loro aspetto e ricominciare daccapo dando un tocco di novità. Questo succede – continua Castelli – soprattutto nei casi in cui l’ex partner inizia contestualmente una nuova relazione con un’altra donna: in questi casi subentra il confronto e la competizione e naturalmente il desiderio di migliorare il proprio aspetto diventa una necessità vera e propria”.

Generalmente, le donne che subiscono una separazione, un tradimento o vivono l’esperienza del divorzio dopo un lungo matrimonio optano per il lifting al viso; questo perché – a causa dello stato d’animo - tendono a dimagrire molto velocemente, situazione che comporta la perdita di tono e vigore dei tessuti. Ciò determina un invecchiamento precoce, in particolare della zona del volto, ed è proprio questo che suggerisce loro di ricorrere ad un lifting per recuperare tono, luminosità, freschezza e giovinezza.

Dopo il lifting troviamo un altro intervento di chirurgia plastica molto ambito da coloro che decidono di dare un taglio netto con il passato e ricominciare una nuova vita con un aspetto differente: la blefaroplastica, intervento di chirurgia che consente di correggere i difetti degli occhi. Un esempio? Stendere e rinvigorire la palpebra superiore o inferiore, eliminare le palpebre cadenti, gli eccessi di tessuto e portare ad un generale miglioramento e ringiovanimento della zona occhi.

Infine, il terzo intervento di chirurgia estetica maggiormente gettonato in questi casi è l’operazione al seno. Se l’obiettivo è valorizzarlo e ringiovanirlo– anche dietro consiglio del medico chirurgo consultato – si ricorre alla mastopessi, che provvede semplicemente alla modifica della forma mammaria che viene così valorizzata, oppure – in caso di un seno piccolo – alla mastoplastica additiva, che prevede l’inserimento di una protesi per aumentarne il volume con naturalezza.
Grazie alle nuove tecniche oggi disponibili in campo medico e chirurgico, è possibile ricorrere a queste operazioni per migliorare il proprio aspetto senza avere conseguenze negative, come cicatrici evidenti o lunghissimi periodi di degenza. Tuttavia, prima di decidere di sottoporsi ad un intervento di qualsiasi natura, è sempre opportuno rivolgersi ad un professionista serio e con esperienza e ascoltare tutte le caratteristiche, i pro e i contro dell’operazione.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie..