Tel: +39 320 6771278 | info@castellimarco.com

Palpebre cadenti: i rimedi naturali e chirurgici

L'età comincia a manifestarsi sul vostro volto e iniziate a notare come le palpebre cadenti siano sempre più evidenti e antiestetiche? Niente paura! I rimedi ci sono. A seconda dell'intensità del fenomeno e delle vostre preferenze, è possibile optare per rimedi naturali, quelli della nonna e quelli che le case cosmetiche e farmaceutiche hanno messo a disposizione negli ultimi anni, ma anche rimedi chirurgici che consentono di risolvere il problema in modo radicale e anche per un periodo di tempo molto lungo.

Ma quali sono le cause che determinano il fenomeno antiestetico delle palpebre cadenti, che assillano soprattutto le donne over 45?

Sicuramente l'avanzare dell'età è uno dei fattori scatenanti e inevitabili: con l'invecchiamento i muscoli tendono a cedere progressivamente, perché perdono tono ed elasticità. A questo si possono aggiungere altri fattori determinanti, che variano però da persona a persona, come la predisposizione genetica, l'inquinamento ambientale, le abitudini (ad esempio il fumo, il consumo di alcool e un'alimentazione priva o con basso apporto di vitamine). Ma a contribuire all'invecchiamento dei tessuti e ad accentuare il fenomeno delle palpebre rilassate c'è anche una esposizione ai raggi solari scorretta o eccessivamente prolungata.

Questo fenomeno prende il nome tecnico di "ptosi palpebrale", ovvero uno degli inestetismi più temuti dalle donne in riferimento alla zona occhi, che si manifesta in un abbassamento completo o parziale delle palpebre superiori o inferiori. Questo fastidio estetico potrebbe diventare anche in problema funzionale e impedire alla paziente di vedere correttamente. In diversi casi, infatti, i tessuti scendono così tanto sull'occhio da compromettere la vista.

E quali sono, dunque, i rimedi per contrastare o mettere addirittura fine al problema delle palpebre cadenti?
Ci sono dei piccoli trucchi e rimedi naturali della nonna, che riescono ad alleviare sensibilmente il problema, soprattutto quando non è ancora troppo accentuato. Una delle prime soluzioni naturali è la mascherina in gel per il contorno occhi: si mette in frigorifero o in freezer per qualche minuto - secondo le indicazioni riportate sulla confezione - e poi si poggiano sugli occhi. Il freddo del gel tenderà a rassodare i muscoli della zona e limitare l'effetto della palpebra cadente.
Un altro sistema è dato dagli esercizi di ginnastica facciale, utili in generale per rallentare i segni dell'invecchiamento. Uno degli esercizi più efficaci contro le palpebre poco toniche consiste nel tirare, con le dita e in modo delicato verso l'esterno, gli angoli esterni degli occhi; contemporaneamente occorre aprire e chiudere gli occhi per almeno dieci volte.

Esistono poi dei mezzi "meccanici", che limitano l'effetto palpebra cadente: si tratta di strisce adesive trasparenti che si applicano direttamente sul contorno della zona occhi superiore, anche sopra il trucco. Queste strisce tendono ad alzare meccanicamente la palpebra e possono essere portate anche per 24 ore.

Tutti questi elencati sopra sono naturalmente rimedi naturali provvisori, anche definiti per questo rimedi della nonna. Se, invece, l'obiettivo è risolvere radicalmente il problema senza trucchi e riconquistare in modo visibile l'elasticità dei tessuti e la luminosità della zona delle palpebre e dell'intero viso, è opportuno rivolgersi ad uno specialista esperto in questo campo per valutare insieme la possibilità di intervenire chirurgicamente su questo inestetismo, che diventa spesso anche in problema funzionale.

Secondo il dottor Marco Castelli, chirurgo estetico di grande esperienza, specializzato anche in blefaroplastica inferiore e superiore e operativo, oltre che a Lugano e Varese, anche nella struttura di Como Le Betulle di Appiano Gentile "La blefaroplastica è uno degli interventi di chirurgia estetica più rapidi e meno impegnativi che esistano, anche se non bisogna mai dimenticare che si tratta pur sempre di un'operazione a tutti gli effetti. Questa tecnica - ha continuato il chirurgo - consente di sollevare i tessuti, togliere le pieghe sugli occhi e regalare così alla paziente un nuovo sguardo giovane e luminoso".


Vuoi piú informazioni sull'intervento di blefaroplastica?
Blefaroplastica
  • Testimonianze: (10)
  • Durata intervento: 1 ora
  • Anestesia: Anestesia locale ed eventuale sedazione
  • Controlli: 7 giorni dopo
  • Ritorno alle normali attività: 2 giorni dopo
Chiedi, siamo a tua disposizione!
Nome *
Telefono
E-mail *
Note
Acconsento al trattamento dei dati (D.lgs. 196/2003)
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie..