Tel: +39 320 6771278 | info@castellimarco.com

Liposuzione: evoluzione di una pratica sempre più diffusa

Il bisogno crescente di avere un aspetto armonioso e piacevole spinge sempre più persone a ricercare una silhouette asciutta e ben proporzionata. Non sempre le diete riescono a soddisfare le aspettative e molto spesso - anche con l’ausilio dell’esercizio fisico e con l’aiuto della medicina estetica - non si ottengono i risultati sperati.

L’accumulo dei tanti odiati cuscinetti di grasso - localizzati in parti del corpo come caviglie, fianchi, pancia, collo e mento - spesso continua a restare lì anche dopo una dieta severa e lunga: il corpo dimagrisce ma loro sono sempre lì. Questo perché certe adiposità sono ingabbiate nel tessuto sottocutaneo. In questi casi la liposuzione che può essere abbinata o meno alla liposcultura rappresenta l’unica soluzione possibile realmente praticabile ed efficace per risolvere il problema.
I risultatati di questo tipo di intervento sono permanenti ed è provato che, dopo la pubertà, le cellule adipose non si riproducono più; un eventuale aumento di peso farà accrescere solo le cellule rimaste, perché quelle eliminate con l’intervento non ricresceranno.
Con la tecnica della liposuzione è possibile, inoltre, riequilibrare parti del corpo che non sono in armonia fra di loro.

Ma come è nato questo intervento e come si è evoluto nel corso del tempo?
Nata negli anni Settanta per risolvere problemi estetici specifici, la liposuzione - all’inizio - era molto più invasiva rispetto a oggi (liposuzione a secco); attraverso delle incisioni il chirurgo introduceva una cannula dal diametro molto grosso e - tramite movimenti appropriati - frantumava i depositi di grasso costituiti da cellule adipose, linfa e sangue. Quindi, il tutto veniva aspirato mediante un macchinario per il vuoto. Una tecnica così invasiva dava luogo, naturalmente, ad un forte sanguinamento e l’intervento ovviamente avveniva in anestesia totale.
Era previsto il ricovero per due o tre giorni e la convalescenza era molto più lunga; in molti casi la paziente doveva indossare indumenti che comprimessero le zone trattate per due mesi dopo dall’intervento.

Oggi le tecniche sono variate sensibilmente e ve ne sono più d’una: sarà il chirurgo a consigliare quella più adeguata alle esigenze del paziente.

I metodi per rompere gli accumuli adiposi sono diversi, ma - in tutti i casi - ancora oggi, una volta sciolto il grasso, questo viene aspirato da uno speciale macchinario.
Le tecniche tradizionali sono: tumescente, bagnata, super bagnata.
Nella prima il chirurgo inietta della lidocaina e dell’epinefrina ad alto dosaggio, ma entrambe fortemente diluiti. Il primo è un anestetico, il secondo un vasocostrittore che limiterà il sanguinolento.
La quantità di liquido è abbondante e sufficiente da creare uno spazio tra i muscoli e l’adipe così da ottenere un buon margine di manovra per il chirurgo che, con una micro cannula, rimuoverà il grasso che poi verrà aspirato. Questa tecnica non necessita di anestesia totale, né dell’uso di trattamenti endovenosi. Il sanguinamento sarà molto limitato, grazie al vasocostrittore che rallenterà anche la circolazione della lidocaina, allungando di fatto i tempi dell’anestesia locale a tutto vantaggio del paziente.
Nella tecnica bagnata, la quantità di liquidi iniettati è inferiore rispetto alla tumescente e, oltre alla lidocaina ed alla epinefrina, viene aggiunta una soluzione salina per rendere i liquidi più compatibili con i liquidi corporei.
Per la tecnica superbagnata la quantità di liquidi iniettata nelle parti da trattare è molto elevata, pari quasi a quella del grasso da eliminare. Viene preferita quando la parte da trattare è molto estesa.

Qualsiasi sia la tecnica, è sempre consigliato di rivolgersi a strutture e professionisti del settore di comprovata serietà. Anche se le tecniche attuali si sono affinate e hanno reso la liposuzione un intervento meno invasivo, rimane pur sempre un intervento chirurgico, che – in quanto tale - deve essere eseguito da mani esperti in strutture accreditate.


Vuoi piú informazioni sull'intervento di liposuzione e liposcultura?
Liposuzione e Liposcultura
  • Testimonianze: (4)
  • Durata intervento: 30 minuti 2 ore
  • Anestesia: Anestesia locale con sedazione o Anestesia generale
  • Controlli: 1 giorno 7 giorni dopo
  • Ritorno alle normali attività: 1-4 giorni
Chiedi, siamo a tua disposizione!
Nome *
Telefono
E-mail *
Note
Acconsento al trattamento dei dati (D.lgs. 196/2003)
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie..