Tel: +39 320 6771278 | info@castellimarco.com

Boom di rinoplastiche: oltre 26.000 interventi in Italia

In Italia è ancora boom di interventi di rinoplastica. Parliamo di operazioni al naso dettate da varie motivazioni, che spaziano dai danni fortuiti - come ad esempio un incidente o distorsioni dalla nascita, come il classico esempio del “naso aquilino” che altro non è che una conformazione sporgente del dorso del naso. Altri esempi possono essere il cosiddetto “naso a patata”, il quale ha - come particolarità – la presenza di ampie cartilagini che lo rendono tondeggiante. Imperfezioni che spesso rendono disomogeneo il volto e non in armonia con il resto del viso: questo può creare, in molti casi, disagi e problemi anche psicologici e relazionali. Senza trascurare il problema della cattiva funzionalità e dei conseguenti problemi respiratori. Non è raro, infatti, sentire di persone che - a causa di un disturbo congenito di respirazione - russa nel sonno senza accorgersene.

Le tecniche operatorie della chirurgia estetica – per fortuna - fanno passi da gigante e sono in continua evoluzione, con specialisti che affinano sempre più il modo di operare e di approccio alla soluzione del problema. Oggi gli interventi di rinoplastica sono sempre più sicuri ed efficaci nel risolvere la problematica, a tal punto che ogni anno aumentano in modo significativo le richieste per ricorrere proprio a questa operazione: lo scorso anno hanno segnato il record di 26.000 interventi in tutta Italia. Sempre in tema di rinoplastica, da notare che la maggior parte dei pazienti che richiede l’intervento dei professionisti è rappresentata da donne, con il 75% del totale, mentre gli uomini rappresentano il 25%. Numeri che confermano la nostra nazione stabilmente al quarto posto nel mondo per numero di interventi di chirurgia estetica, con oltre 870.000 richieste totali tra tutti i campi.

Oltre alla rinoplastica, la blefaroplastica, la liposuzione e la mastoplastica additiva rimangono gli interventi che registrano le maggiori richieste nel mondo e in Italia e – nello specifico - i nostri chirurghi professionisti spiccano a livello internazionale per la loro preparazione e competenza. Per numero di interventi chirurgici estetici abbiamo davanti solamente gli americani, i brasiliani e i coreani.
Da un punto di vista pratico e tecnico, la chirurgia si è evoluta a tal punto che spesso non sono necessari nemmeno punti di sutura o tamponi: nel caso – ad esempio – della rinoplastica sono d’obbligo dei punti di sutura interni nella cavità nasale, ma in altri casi oggi è evitabile. Tuttavia, questo aspetto rimane nelle decisioni del professionista che - di volta in volta - valuta la situazione con molta attenzione e scrupolosità. E sta proprio al chirurgo capire come e quando intervenire, ma anche la modalità e l’iter da seguire; per questo è importante stabilire un rapporto diretto e soprattutto di fiducia tra medico e paziente, conoscere il professionista che opererà, valutare l’opportunità dell’intervento, oltre che la struttura, i tempi pre e post intervento e tutte le attenzioni necessarie.
La durata dell’intervento per una rinoplastica è normalmente intorno ad un’ora, l’intervento prevede un’anestesia locale o - in alcuni casi – generale. E dopo una settimana di riposo a casa per evitare traumi accidentali - e anche per il necessario riassorbimento degli inevitabili “lividi” - si potrà riprendere la normale attività lavorativa e sociale, ovviamente con le necessarie accortezze.
Da segnalare che tra le modalità di intervento c’è la possibilità di sottoporsi alla rinoplastica anche senza l’aiuto di bisturi, ma utilizzando soltanto delle microinfiltrazioni di grasso. In alternativa è possibile intervenire con la tecnica del lipofilling, che ha una ridotta invasività per il paziente. Naturalmente, anche in questo caso, sarà il medico a consigliare la tipologia di tecnica raccomandata per le esigenze e gli obiettivi della paziente.


Vuoi piú informazioni sull'intervento di rinoplastica?
Rinoplastica
  • Testimonianze: (4)
  • Durata intervento: Da 45 minuti a 2 ore
  • Anestesia: Anestesia generale e locale
  • Controlli: 7 giorni dopo
  • Ritorno alle normali attività: 7-10 giorni
Chiedi, siamo a tua disposizione!
Nome *
Telefono
E-mail *
Note
Acconsento al trattamento dei dati (D.lgs. 196/2003)
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie..