Tel: +39 320 6771278 | info@castellimarco.com

Addominoplastica per ridurre i centimetri del girovita: il Dott Castelli spiega come

Il problema dei centimetri in eccesso nel girovita e il cruccio di eliminarli per apparire più snelli e sani è presente in modo diffuso nella mente di molte persone: sia donne che uomini. Per capire l’importanza del grasso in eccesso basta dare un’occhiata ai dati forniti dal’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che evidenzia come - nel mondo - oltre 1,9 miliardi di adulti (e 124 milioni di bambini) siano obesi. Adulti e bambini – a causa dell’obesità - corrono dei gravi rischi per la loro salute. Il dato, naturalmente, va ben studiato ed esaminato per fascia e localizzazione, ma certamente il sovrappeso e l’obesità sono due fenomeni da evitare intervenendo in vari modi sulla zona del corpo dove maggiormente si localizza l’accumulo di tessuto adiposo. Una prevenzione è necessaria e fondamentale anche per prevenire il rischio di malattie croniche, come quelle cardiovascolari e il diabete, fino ad alcuni tipi di tumori. E - sempre secondo l’OMS - circa il 44% dei casi di diabete, il 23% di cardiopatie ischemiche e fino al 41% di alcuni tumori sono attribuibili ad uno stile di vita legato all’obesità e al sovrappeso. Secondo le regole, i limiti oltre i quali si entra nella zona rischio sono 80 cm di girovita per la donna all’altezza dell’ombelico e 102 cm per l’uomo.

A questo punto conviene mettersi in regola con la propria alimentazione (non parliamo solo di eliminare gli hot dog in stile americano e non siamo qui a demonizzare i fast food) adottando una dieta personalizzata sotto il controllo di un medico specializzato in scienze dell’alimentazione o di un dietologo; a questo però sarà necessario aggiungere anche una adeguata attività fisica.

Questo in linea generale, ma attenzione: è bene sapere che non è semplice ottenere dei risultati concreti; i trattamenti che possono veramente ridurre i centimetri del girovita sono pochi e, ovviamente, ogni programma di snellimento deve poi prevedere un “post dieta” di mantenimento.

In aiuto alla dieta e all’attività sportiva arriva – per fortuna – anche la chirurgia estetica, con un risolutivo intervento di addominoplastica, affiancato alle condizioni illustrate sopra, che permette di eliminare il grasso (adipe) in eccesso in corrispondenza della zona della pancia. Specifichiamo che con l’intervento di addominoplastica si va a modellare anche il rilassamento della parete muscolare tipico – ad esempio – delle donne che hanno recentemente partorito o dei soggetti reduci da diete restrittive. L‘addominoplastica - generalmente consigliata sia alle donne che agli uomini – indicata a tutti coloro che evidenziano un rilassamento importante dei tessuti nella zona addominale.

Abbiamo chiesto al dottor Marco Castelli, chirurgo estetico e plastico, in cosa consiste questo tipo di intervento.

Cosa è necessario fare prima dell’intervento?
“In sede di incontro preliminare e conoscitivo con il paziente, il chirurgo professionista deve esaminare le caratteristiche dell'addome del paziente, per poter valutare l’efficacia dell’intervento, capire l'elasticità della pelle, la presenza o meno di smagliature e la localizzazione degli accumuli adiposi. Solo con questa analisi il chirurgo potrà valutare l’eventuale necessità di abbinare una lipoaspirazione in sede di intervento”.

Come si svolge l'intervento?
“L'intervento di addominoplastica viene eseguito in strutture sanitarie adeguate e in anestesia generale, normalmente ha una durata indicativa variabile tra le 2 e le 3 ore, a seconda del grado di presenza dell’adipe. Il chirurgo esegue uno scollamento della pelle dal grasso e sutura le fasce muscolari addominali indebolite. Solamente dopo, con un lifting del lembo addominale, viene suturato a livello della regione pre-pubica, in modo da rendere le cicatrici poco evidenti. Prima di terminare l'intervento, l'ombelico è riposizionato all'altezza corretta e vengono inseriti dei drenaggi da tenere per almeno 48 ore, allo scopo di evitare edemi post-operatori e accelerare i tempi di recupero”.

Dopo quanto tempo sono visibili i risultati dell’intervento?
“Nel giro di 2 o al massimo 3 mesi e - da quel momento - il girovita sarà nelle perfette misure; basterà seguire una alimentazione equilibrata e fare una regolare attività fisica”.


Vuoi piú informazioni sull'intervento di addominoplastica?
Addominoplastica
  • Testimonianze: (2)
  • Durata intervento: Da 1 ora a 3 ore
  • Anestesia: Anestesia generale
  • Controlli: 1 giorno 7 giorni dopo
  • Ritorno alle normali attività: 7-10 giorni
Chiedi, siamo a tua disposizione!
Nome *
Telefono
E-mail *
Note
Acconsento al trattamento dei dati (D.lgs. 196/2003)
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie..