Laser CO2: cos’è e quando si usa

Il laser CO2 – ovvero il laser ad anidride carbonica – è oggi uno dei più utilizzati in assoluto nel settore medico e industriale, per applicazioni molto diverse. Negli ultimi anni, l’utilizzo di questo speciale laser si è molto diffuso soprattutto nel settore della medicina e chirurgia estetica.

I laser CO2 sono i più potenti laser disponibili attualmente ad onda continua e presentano una maggiore efficienza rispetto alle altre tipologie. Questo particolare tipo di laser riesce ad emettere un fascio di luce infrarossa, la cui lunghezza d'onda è fra i 9.4 e i 10.6 micrometri.

Ma come funziona il laser CO2 applicato alla medicina e alla chirurgia estetica?
In sostanza, questo laser pulsato agisce sull’acqua contenuta nelle cellule, che in questo modo vengono vaporizzate senza però danneggiare o ustionare i tessuti circostanti.

I vantaggi offerti dall’utilizzo del laser CO2 nel settore della medicina e della chirurgia estetica sono rappresentati soprattutto da un danno termico minimo e da effetti collaterali decisamente contenuti, come minor sanguinamento, minore infiammazione e soprattutto un miglior processo di cicatrizzazione.

Non a caso, il laser CO2 è utilizzato proprio per i trattamenti di ringiovanimento cutaneo e per lo Skin Resurfacing, tecnica utilizzata per risanare, migliorare e valorizzare la pelle del viso poco elastica (vedi l'intervento di lifting viso senza bisturi), la cute rovinata dalle cicatrici, o semplicemente invecchiata dal naturale avanzare dell’età.

Il laser CO2 è in grado di eliminare gli strati più superficiali della pelle e allo stesso tempo di stimolare la contrazione delle fibre elastiche e di collagene presenti nei tessuti, favorendo così la trasformazione della cute, che in questo modo diventa più luminosa, giovane e tonica.

Un altro importante vantaggio dell’utilizzo del laser CO2 nel campo estetico è l’alto livello di sicurezza, perché le aree trattate sono limate e modellate rispettando sempre lo stesso spessore desiderato.
Tutte queste caratteristiche hanno consentito ai chirurghi estetici di sostituire il bisturi in moltissimi interventi e di renderli quindi meno invasivi e problematici rispetto al passato. Confrontando questa tecnica innovativa con l’intervento tradizionale, infatti, scopriamo che il laser CO2 permette di avere una precisione assoluta del risultato desiderato, cicatrici poco visibili e tempi di guarigione minimi.

Per tutti questi motivi, il laser CO2 viene impiegato anche per ridurre le rughe intorno alle labbra e agli occhi, per eliminare le verruche, fibromi e condilomi, cicatrici da acne, piccole neoformazioni benigne e pigmentazioni della pelle.


Archivio news >