Tel: +39 320 6771278 | info@castellimarco.com

Fibroma cutaneo: cos’è, come viene e come si asporta?

Il fibroma cutaneo è un’alterazione della parte più superficiale ed esposta della pelle e può avere vari stadi di interesse medico: da forma benigna (in questo caso si tratta di una banale verruca, di un fibroma o un condiloma), fino ad arrivare allo stadio peggiore, quello di tipo maligno, che si manifesta con un carcinoma o un melanoma.
Nel caso in cui si manifesti nella sua forma benigna, come fenomeno legato alla proliferazione anomala delle cellule che compongono il tessuto connettivo fibroso, pariamo di fibroblasti. Il fibroma cutaneo è una espressione che identifica una crescita anomala delle cellule epiteliali della cute e – come accennato – appartiene alla famiglia dei tumori benigni. In questi casi, è opportuno intervenire per eliminare il fibroma, sia per motivi estetici, sia per scongiurare qualsiasi tipo di rischio di irritazioni o lesioni. Parlando più in generale, i tumori della pelle sono la più comune forma di tumore riscontrabile da qualsiasi esame, anche di tipo ambulatoriale, e riscontrabili visivamente in ogni parte del corpo, anche se principalmente sul viso, sul cuoio capelluto e sul collo. Pertanto, è possibile affermare che è relativamente semplice identificarli.

Ma come viene il fibroma cutaneo?
Questo tema è strettamente legato a quello della prevenzione: non è banale consigliare di evitare un’errata esposizione solare o eccedere con le famigerate lampade solari, che accelerano la formazione di questo tipo benigno di tumore. Sempre più spesso, sentiamo dire che il sole è diventato “, perché la mancanza di una adeguata difesa dai raggi solari, malati a causa dell’inquinamento e del buco dell’ozono, con creme ad alta protezione non fa che aumentare il rischio di formazione del fibroma cutaneo.

Altresì, sul banco degli imputati dobbiamo necessariamente mettere l’esposizione ai raggi ultravioletti dei neon delle lampade abbronzanti molto in voga tra i fanatici della pelle abbronzata a tutti i costi. L’esposizione continuata - o anche solo occasionale - a questo tipo di raggi ultravioletti rappresenta un vero disagio per la pelle che viene aggredita da raggi malati. Inoltre, non dobbiamo pensare che questo tipo di fibroma cutaneo colpisce solo alcune fasce di persone con la pelle molto chiara, o i classici stereotipi dei capelli biondi e occhi chiari: purtroppo negli ultimi anni ci siamo imbattuti in casi sempre più frequenti e diversi. Ecco perché è fondamentale tenere sempre sotto stretta osservazione qualsiasi forma di fibrosi cutanea, con controlli medici specialistici a cadenza annuale, con attenti esami della pelle sempre sotto il controllo degli specialisti, attraverso una mappatura di tutti i nevi presenti sulla pelle a livello cutaneo, mediante un controllo al dermatoscopio (apparecchio apposito che consente attraverso una lente d’ingrandimento illuminata di studiare da vicino il tipo di neo). In questo modo è possibile ottenere una mappa corporea aggiornata, sulla quale poter lavorare nel corso dei successivi controlli specialistici.

Nel corso delle successive visite, infatti, il medico potrà controllare l’evoluzione delle formazioni pigmentate presenti precedentemente ed eventualmente nuove formazioni. Il controllo con questa mappatura consente di seguire l’evoluzione del nevo sia in senso positivo, sia nel senso negativo, che nei casi peggiori può sfociare in un melanoma. Sarà bene tenere informato lo specialista anche del lavoro a cui viene sottoposto il nevo, ad esempio se viene continuamente sottoposto a stress a causa della posizione: pensiamo alle mani, o se posizionati all’altezza della cintola o del collo, con il frizionamento della camicia.

Fibroma cutaneo: come si asporta?
Per eliminare il fibroma cutaneo si può intervenire per asportarlo mediante un intervento di chirurgia, oppure mediante Laser CO2 o Laser frazionato, che - oltre alla finalità estetica - ha la funzione di eliminare il rischio di irritazioni o lesioni, qualora siano localizzate in zone sottoposte a frizioni meccaniche (collo, linea cintura-reggiseno).


Vuoi piú informazioni sull'intervento di laser frazionato?
Laser frazionato
  • Testimonianze: (3)
  • Durata intervento: 30 minuti
  • Anestesia: Anestesia locale
  • Controlli: 7 giorni dopo
  • Ritorno alle normali attività: 3-7 giorni
Chiedi, siamo a tua disposizione!
Nome *
Telefono
E-mail *
Note
Acconsento al trattamento dei dati (D.lgs. 196/2003)
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie..