Ritocchini estetici: a Nord più richiesta che al Sud

La chirurgia estetica – ormai è ben noto – è oggi alla portata di tutti, anche nel nostro Paese, tanto che vi ricorrono ormai donne e uomini di ogni età e fascia economico-culturale. Se prima erano solo i ricchi borghesi a poter avere accesso ad alcuni trattamenti e interventi, oggi ad andare dal chirurgo estetico sono anche casalinghe, donne in carriera, manager e perfino studenti. Persone di ogni estrazione sociale, che si rivolgono sempre più spesso al chirurgo.

Secondo gli ultimi dati disponibili, infatti, il numero di persone di ogni estrazione sociale che si reca dal chirurgo estetico per migliorare il proprio aspetto cresce costantemente. Nello specifico, gli ultimi studi dell’Isaps (International Society of Aesthetic Plastic Surgery), rivelano come - nel corso del 2016 - in tutto il mondo, stiano stati effettuati un milione di trattamenti estetici in più rispetto all’anno precedente, per un totale di 31.600.000 interventi. E l’Italia? Nella classifica mondiale è al nono posto, ovvero il nono Paese al mondo per numero di ritocchini.

E tutto questo, ovviamente, nonostante la crisi economica, che da diversi anni tiene sotto pressione anche il nostro Paese.
Ma ci sono delle differenze tra le regioni italiane? Quali sono le zone in cui gli interventi estetici vengono maggiormente richiesti? Esistono dei fenomeni particolari?

Secondo gli ultimi dati disponibili, ad emergere con particolare evidenza sono due fenomeno curiosi, in particolare. Da un lato, si registra una maggiore richiesta di interventi estetici al nord rispetto che al sud, dall’altro, si evidenzia contemporaneamente una crescente domanda da parte degli uomini, sempre più desiderosi di mostrarsi al meglio.

“Nel Nord Italia – ha spiegato il professor Marco Castelli, chirurgo estetico di fama internazionale, che opera sia in Italia che in Svizzera - si assiste ad una maggiore richiesta di uomini rispetto al sud perché vi sono molti più imprenditori, manager di grandi aziende e uomini d'affari che, per mantenere al meglio la loro posizione e avere ulteriori chance di fare carriera, devono continuare ad avere un aspetto piacevole e sempre giovane”.

Ma cosa chiedono esattamente gli uomini che decidono di rivolgersi al chirurgo estetico?
La maggior parte desidera fermare o ritardare i segni dell’invecchiamento e richiede, quindi, ritocchino per rendere il volto più giovane, come la blefaroplastica (operazione che consente di sollevare le palpebre cadenti), il lifting al viso, ma anche l’addominoplastica (intervento che permette di ridurre l’adipe sulla pancia) e l’intervento per rifarsi il naso.

Tuttavia, questi nuovi dati non devono far pensare che le donne stiano a guardare!
Il comparto femminile, infatti, continua a rappresentare il 75% della popolazione globale che si affida alle mani del chirurgo plastico per migliorare il proprio aspetto.
Tra gli interventi più richiesti dalle donne italiane, resta in prima posizione quello per l’aumento del seno, segue quello al naso, mentre al terzo posto troviamo l’otoplastica, l’intervento di chirurgia estetica per riallineare correttamente le orecchie a sventola.


Archivio news >